Joe Balluzzo porta Stella Cadente in tour

L’artista romano in concerto a Matera il 21 giugno a Palazzo Lanfranchi, in occasione della ‘Festa della Musica dei Giovani’ e il 23 a Roma, Parco da Vinci

Nuovi cantautori crescono, si potrebbe dire. Joe Balluzzo ha iniziato a cantare e vinto il suo primo concorso quando aveva solo quattro anni. Da allora ne è passata di acqua sotto ai ponti. Mentre si dedicava allo studio laureandosi interprete, ha portato avanti l’attività musicale, con molte esperienze e collaborazioni fino alla recente realizzazione del suo album di debutto “Tra i Miei Colori” e il nuovo singolo Stella Cadente presentati da Ultratempo label, etichetta che ha anche pubblicato i dischi di Stef Burns, Vince Pastano, Capucino, Daniele Tenca e altre interessanti realtà del nostro panorama musicale.

Joe, con il suo pop arricchito di venature soul, sarà tra i partecipanti della Festa della Musica a Matera, capitale della cultura 2019, venerdì 21 giugno. Per l’occasione si esibirà in trio presso Palazzo Lanfranchi alle 16.30. Domenica 23 giugno, invece, il cantautore proporrà live i nuovi brani a Roma Fiumicino al Parco daVinci per lo Street Music Festival, dalle 17.00.

Stella Cadente nuovo singolo e video

Dopo il successo dei singoli Scivola e Oggi è un altro giorno che lo hanno portato ad esibirsi in alcune rilevanti manifestazioni italiane e a suonare in tutta Italia condividendo il palco con grandi musicisti, Joe sta promuovendo il nuovo singolo Stella Cadente, ora in radio, negli store digitali e su tutte le piattaforme di streaming. È online anche il video diretto da Francesco Salemme e interpretato dall’attore Gianluca Caldironi che racconta la routine e l’insoddisfazione in cui spesso ci si ritrova nella vita dimenticando sogni e desideri.

Stella Cadente Tour a breve in giro per l’Italia

Joe sarà di nuovo in giro per presentare live il progetto con una serie di concerti, Stella Cadente Tour, nei club e nelle rassegne, nel quale propone in elettrico o in versione unplugged anche gli ultimi due singoli “Stella Cadente” e “Oggi è Un Altro Giorno”. Le date sono in via di definizione.

L’album di debutto Tra i Miei Colori

Oltre ai nuovi brani e alcune cover di quelli che hanno influenzato la sua musica, la scaletta del concerto include anche Scivola, Amami per Sempre, Il Grido, Vado Via, We’ve found love, canzoni che fanno parte del suo album d’esordio “Tra i Miei Colori” (Ultratempo label/Self distribuzione), un lavoro di ispirazione pop che affonda le proprie radici nel soul, genere a cui Joe è particolarmente legato. Dieci canzoni interamente scritte da lui che rivelano una vasta gamma di sfumature, dove ogni suono trova il suo spazio perfetto. Atmosfere melodiche ed intimiste di un’elegante e ispirata canzone d’autore si alternano a sonorità più rock ed elettroniche.

Il disco è disponibile in tutti i negozi di dischi e nei digital stores, può essere anche richiesto direttamente a info@ultratempo.net per ricevere una copia personalizzata.

Joe Balluzzo in concerto

Chi è Joe Balluzzo

Joe Balluzzo vive a Roma, dove lavora come interprete: parla inglese, spagnolo, francese e un po’ di portoghese. La musica entra nella sua vita molto presto. Sin da piccolo inizia a studiare pianoforte per poi passare allo studio del canto e inizia a scrivere i suoi primi brani. Oltre a comporre si diverte a rivisitare grandi artisti del panorama pop internazionale, da Ellie Goulding ai Coldplay, passando per Adele e Bruno Mars. Pezzi unplugged che poi regala al suo pubblico postandoli sui canali social. Partecipa con successo ad eventi come Area Sanremo e Tour Music Fest di Mogol, classificandosi primo al Cantagiro con il singolo d’esordio Scivola, al RoxyBar di Red Ronnie e suona in apertura dei concerti di vari artisti.

Dopo l’incontro con la manager Elisabetta Galletta, firma un contratto con Ultratempo label e pubblica il disco d’esordio. Oltre al singolo di debutto Scivola, gli altri brani estratti dall’album “Tra i Miei Colori” sono Amami per SempreIl Grido, Vado Via. C’è anche un pezzo “outsider”, We’ve Found Love, l’unico in inglese, un brano frizzante dalle sonorità reggae che raggiunge l’altro lato del globo, riscuotendo consensi anche in Australia e che introduce l’artista nel panorama internazionale. Gira l’Italia con la sua band dove da subito viene apprezzato per la sua timbrica particolare e la vocalità soul.

Dopo il recente singolo “Oggi è Un Altro Giorno”, arriva il nuovo brano “Stella Cadente”, entrambi accompagnati da due suggestivi video diretti da Francesco Salemme.

PCP in concerto all’Auditorium Casa delle Arti

PCP in concerto all'Auditorium Casa delle Arti

Il mix di canzone d'autore e atmosfere latin jazz in scena alla Casa delle Arti di Cernusco s/N.

Domani 16 febbraio i PCP Piano Che Piove  si esibiranno live all’Auditorium Casa delle Arti (via De Gasperi, 12,a 100 m dalla fermata MM2 di Cernusco S.N. ore 21.00, ingresso libero, fino ad esaurimento posti). 
La line up per l’occasione sarà formata da Sabrina Botti alla voce, Claudio Resentini al basso e il chitarrista Ruggero Marazzi accanto a due special guest: Alessandro “Pacho” Rossi alla batteria e percussioni e Marta Mazzocchi alla Fisarmonica e piano elettrico
.

La scaletta del concerto

Il concerto è incentrato sul nuovo disco di inediti “Il Tram e La Luna”, dal quale è tratto il nuovo singolo ACQUA (ascoltalo su Spotify) di cui a breve sarà disponibile anche il video, diretto da Rino Cacciola, che contiene anche immagini fornite dal Civico archivio fotografico del Comune di Milano.
La scaletta prevede anche alcuni brani del disco di debutto “In Viaggio con Alice” ed alcune cover, in un percorso musicale dalle atmosfere soffuse e raffinate. 

A loro piace definirlo "slow pop"

La band propone, infatti, una miscela di melodia cantautorale e arie latin-jazz che si accostano volentieri a location intimiste, particolari, e ad altre forme d’arte. 
Una musica “slow pop” come a loro piace definirla, una collezione di brani che fotografa emozioni, sensazioni e frammenti di vita in cui tutti si possono immedesimare.  

“Non è un genere, è un’intenzione.. qualcosa che da sempre esiste. É l’attitudine a scegliere un passo che consenta di osservare i lati della strada, curiosare dietro portoni semi aperti, anche senza sapere se scopriremo tesori o se perderemo tempo. Sono trucioli di legno, parole e suoni che sorridono a sé stessi e a chi li guarda. É un prodotto di lusso perché libero dalla necessità di essere sicuro. É l’elogio della curiosità. Parlami della tua anima, poi deciderò se quello che fai mi piace, ma intanto fammi sentire...”
Ruggero Marazzi
chitarrista e autore

L’ultimo singolo tratto da Il Tram e La Luna è Acqua, una canzone d’amore dedicata alla terra e alla loro città, Milano.  

“Milano è una città d'acqua. L'immensa opera dei fontanili attraverso la quale, più di mille anni fa, i monaci cistercensi hanno trasformato le paludi in terreno asciutto e fertile; la rete dei navigli e la darsena che per secoli è stata uno dei porti commerciali più importanti d'Italia. Ogni angolo della cerchia antica di Milano parla di acqua e di lavoro con l'acqua, anche se oggi, purtroppo, non ne parla quasi più nessuno. E per fare che la memoria rimanga bisogna nutrirla. Con le raccolte, con lo studio, con l’arte, con una canzone. Una canzone che parla di storia e di suggestioni scaturite dai racconti, di luoghi progressivamente inglobati in un tessuto che senza memoria cesserà progressivamente di riconoscerli. Una canzone che parla di barche e fatica, di macchine e di ingegno, di tutto ciò che ha fatto la città di oggi, la città che ha convissuto palmo a palmo con l’acqua finché ha deciso che non le serviva più. E l’ha nascosta” -
Ruggero Marazzi
chitarrista e autore

L’album Il Tram e La Luna – già disponibile in formato CD, in digital download e su tutte le piattaforme di streaming – è stato anticipato dal singolo Tango Sbagliato e ora dal nuovo singolo Acqua, i cui video sono disponibili sul loro canale Youtube.

Nik Valente: il 18 gennaio esce il nuovo singolo Se ci Sei.

Nik Valente: il 18 gennaio esce il nuovo singolo Se ci Sei.

dopo il brano Passerà, pubblicato lo scorso autunno, il cantautore vicentino pubblica il secondo brano estratto dall’album ‘MeMo’ in uscita a febbraio.

Dopo l’ottimo riscontro del brano ‘Passerà’ pubblicato dal cantautore Nik Valente lo scorso autunno, in occasione del centenario della fine della Grande Guerra, il 18 gennaio usciràSe ci sei’, nuovo singolo estratto dall’album ‘MeMo’, disponibile dal prossimo 15 febbraio.

E’ un brano che rappresenta le sonorità più frizzanti e orecchiabili del disco, scritto a quattro mani con Ricky Quagliato, produttore artistico e arrangiatore dell’intero progetto. 

Se ci Sei ha un testo leggero ma al tempo stesso intriso di significato e intimista, dove ampio spazio è concesso alla ricerca musicale e all’uso della chitarra elettrica e della batteria. Il suono accattivante, con chiari riferimenti al pop-rock americano, è decisamente lontano dai classici schemi radiofonici degli ultimi decenni se pur adatto a un pubblico mainstream. Una scelta coraggiosa e innovativa nel tentativo di restituire al pop il valore musicale che merita.

‘Se ci sei‘ è raccontato da un videoclip diretto dal regista Massimo Toniato, stretto collaboratore di Valente e videomaker dell’intero progetto ‘MeMo’.
Lui stesso lo descrive come un viaggio evocativo per immagini: la grafica animata suggerisce significati che, così come nella canzone, non si fanno catturare se non grazie a un’interpretazione personale.
Una metafora della ricerca, del senso della vita, o semplicemente di un attimo di pace. Alla fine ciò che resta è il ritmo.

Con questo nuovo singolo Nik Valente vuole anche evidenziare il proprio ruolo di chitarrista elettrico in versione solista, attività che per lungo tempo è stata il suo principale impiego e che riversa nelle sue canzoni ricamando i tessuti armonici con suoni puliti e senza l’utilizzo di effettistica.

«Finalmente ho ritrovato il mio suono che con il tempo è stato spogliato da effetti e distorsioni, fino a tornare alla pura essenza», sottolinea il cantautore. «Sentirete semplicemente la mia amata Fender Stratocaster, un amplificatore e le mie dita».
Nik Valente

Ed è proprio ‘Se ci sei’ ad aver ispirato la creativa altopianese Chiara Carli Muller che, dopo l’ascolto del brano, ha voluto dipingere la chitarra del cantautore lasciando su di essa e per sempre la propria visione emotiva. La Fender che Nik suonerà sul palco durante i concerti verrà infatti successivamente inserita in una tela, che la Muller esporrà durante alcuni vernissage.

Ufficio stampa e promozione