PCP in concerto all’Auditorium Casa delle Arti

PCP in concerto all'Auditorium Casa delle Arti

Il mix di canzone d'autore e atmosfere latin jazz in scena alla Casa delle Arti di Cernusco s/N.

Domani 16 febbraio i PCP Piano Che Piove  si esibiranno live all’Auditorium Casa delle Arti (via De Gasperi, 12,a 100 m dalla fermata MM2 di Cernusco S.N. ore 21.00, ingresso libero, fino ad esaurimento posti). 
La line up per l’occasione sarà formata da Sabrina Botti alla voce, Claudio Resentini al basso e il chitarrista Ruggero Marazzi accanto a due special guest: Alessandro “Pacho” Rossi alla batteria e percussioni e Marta Mazzocchi alla Fisarmonica e piano elettrico
.

La scaletta del concerto

Il concerto è incentrato sul nuovo disco di inediti “Il Tram e La Luna”, dal quale è tratto il nuovo singolo ACQUA (ascoltalo su Spotify) di cui a breve sarà disponibile anche il video, diretto da Rino Cacciola, che contiene anche immagini fornite dal Civico archivio fotografico del Comune di Milano.
La scaletta prevede anche alcuni brani del disco di debutto “In Viaggio con Alice” ed alcune cover, in un percorso musicale dalle atmosfere soffuse e raffinate. 

A loro piace definirlo "slow pop"

La band propone, infatti, una miscela di melodia cantautorale e arie latin-jazz che si accostano volentieri a location intimiste, particolari, e ad altre forme d’arte. 
Una musica “slow pop” come a loro piace definirla, una collezione di brani che fotografa emozioni, sensazioni e frammenti di vita in cui tutti si possono immedesimare.  

“Non è un genere, è un’intenzione.. qualcosa che da sempre esiste. É l’attitudine a scegliere un passo che consenta di osservare i lati della strada, curiosare dietro portoni semi aperti, anche senza sapere se scopriremo tesori o se perderemo tempo. Sono trucioli di legno, parole e suoni che sorridono a sé stessi e a chi li guarda. É un prodotto di lusso perché libero dalla necessità di essere sicuro. É l’elogio della curiosità. Parlami della tua anima, poi deciderò se quello che fai mi piace, ma intanto fammi sentire...”
Ruggero Marazzi
chitarrista e autore

L’ultimo singolo tratto da Il Tram e La Luna è Acqua, una canzone d’amore dedicata alla terra e alla loro città, Milano.  

“Milano è una città d'acqua. L'immensa opera dei fontanili attraverso la quale, più di mille anni fa, i monaci cistercensi hanno trasformato le paludi in terreno asciutto e fertile; la rete dei navigli e la darsena che per secoli è stata uno dei porti commerciali più importanti d'Italia. Ogni angolo della cerchia antica di Milano parla di acqua e di lavoro con l'acqua, anche se oggi, purtroppo, non ne parla quasi più nessuno. E per fare che la memoria rimanga bisogna nutrirla. Con le raccolte, con lo studio, con l’arte, con una canzone. Una canzone che parla di storia e di suggestioni scaturite dai racconti, di luoghi progressivamente inglobati in un tessuto che senza memoria cesserà progressivamente di riconoscerli. Una canzone che parla di barche e fatica, di macchine e di ingegno, di tutto ciò che ha fatto la città di oggi, la città che ha convissuto palmo a palmo con l’acqua finché ha deciso che non le serviva più. E l’ha nascosta” -
Ruggero Marazzi
chitarrista e autore

L’album Il Tram e La Luna – già disponibile in formato CD, in digital download e su tutte le piattaforme di streaming – è stato anticipato dal singolo Tango Sbagliato e ora dal nuovo singolo Acqua, i cui video sono disponibili sul loro canale Youtube.

Nik Valente: il 18 gennaio esce il nuovo singolo Se ci Sei.

Nik Valente: il 18 gennaio esce il nuovo singolo Se ci Sei.

dopo il brano Passerà, pubblicato lo scorso autunno, il cantautore vicentino pubblica il secondo brano estratto dall’album ‘MeMo’ in uscita a febbraio.

Dopo l’ottimo riscontro del brano ‘Passerà’ pubblicato dal cantautore Nik Valente lo scorso autunno, in occasione del centenario della fine della Grande Guerra, il 18 gennaio usciràSe ci sei’, nuovo singolo estratto dall’album ‘MeMo’, disponibile dal prossimo 15 febbraio.

E’ un brano che rappresenta le sonorità più frizzanti e orecchiabili del disco, scritto a quattro mani con Ricky Quagliato, produttore artistico e arrangiatore dell’intero progetto. 

Se ci Sei ha un testo leggero ma al tempo stesso intriso di significato e intimista, dove ampio spazio è concesso alla ricerca musicale e all’uso della chitarra elettrica e della batteria. Il suono accattivante, con chiari riferimenti al pop-rock americano, è decisamente lontano dai classici schemi radiofonici degli ultimi decenni se pur adatto a un pubblico mainstream. Una scelta coraggiosa e innovativa nel tentativo di restituire al pop il valore musicale che merita.

‘Se ci sei‘ è raccontato da un videoclip diretto dal regista Massimo Toniato, stretto collaboratore di Valente e videomaker dell’intero progetto ‘MeMo’.
Lui stesso lo descrive come un viaggio evocativo per immagini: la grafica animata suggerisce significati che, così come nella canzone, non si fanno catturare se non grazie a un’interpretazione personale.
Una metafora della ricerca, del senso della vita, o semplicemente di un attimo di pace. Alla fine ciò che resta è il ritmo.

Con questo nuovo singolo Nik Valente vuole anche evidenziare il proprio ruolo di chitarrista elettrico in versione solista, attività che per lungo tempo è stata il suo principale impiego e che riversa nelle sue canzoni ricamando i tessuti armonici con suoni puliti e senza l’utilizzo di effettistica.

«Finalmente ho ritrovato il mio suono che con il tempo è stato spogliato da effetti e distorsioni, fino a tornare alla pura essenza», sottolinea il cantautore. «Sentirete semplicemente la mia amata Fender Stratocaster, un amplificatore e le mie dita».
Nik Valente

Ed è proprio ‘Se ci sei’ ad aver ispirato la creativa altopianese Chiara Carli Muller che, dopo l’ascolto del brano, ha voluto dipingere la chitarra del cantautore lasciando su di essa e per sempre la propria visione emotiva. La Fender che Nik suonerà sul palco durante i concerti verrà infatti successivamente inserita in una tela, che la Muller esporrà durante alcuni vernissage.

Ufo Piemontesi: annunciano il nuovo singolo

UFO Piemontesi annunciano l'uscita di un nuovo brano

Dopo aver fatto a pezzi la storia della musica italiana, arriva il nuovo singolo e video ‘Non è Francesca’, grande classico di Battisti-Mogol

Uscirà ad inizio 2019  ‘Non è Francesca’, il nuovo singolo per gli esplosivi Ufo Piemontesi band che nel corso degli anni ha fatto a pezzi la storia della musica italiana, stravolgendo le hit dei più grandi nomi del cantautorato.
Si tratta ovviamente dell’inossidabile classico di Battisti – Mogol che, proprio in gennaio, festeggerà i 50 anni dalla prima interpretazione del cantautore reatino.

La traccia, riletta in chiave rock, sarà accompagnata da un video ispirato alle crime stories televisive.

Gli Ufo Piemontesi sono attualmente impegnati con le prove di un tour che si preannuncia sorprendente. La band  riformula il repertorio live che l’ha resa famosa fin dagli esordi agli inizio degli anni ’90, con una serie di nuove  cover.  

In scaletta le tracce più forti dalla loro discografia ma anche un Battisti trattato come un’icona glam rock in perfetto stile David Bowie, Tiziano Ferro arrangiato in chiave Iggy PopJovanotti in salsa Aerosmith, fino a Marco Mengoni del quale gli Ufo riprendono il brano ‘Esseri umani’, reinventandolo con un mashup fra Billy Idol e Ramones.

La band è formata da: Stefano De Carli (chitarre, voce e arrangiamenti), Lorenzo Pedròn (batteria), Luca Brado (voce), Luca ‘Liuk’ Baldoni (chitarra), Luca ‘Loppo’ Tonani (Basso).

"comunichiamo col cuore, le tue idee"